Ogni binocolo è dotato di un sofisticato sistema di lenti, che gli permette di ingrandire i soggetti che si rovano a distanza. Queste ultime funziono insieme ai prismi, che sono quindi un elemento fondamentale. Ma come sceglierli? Vediamolo insieme.

Lenti e prisma

Il prisma è un elemento presente in tutti i binocoli. Il suo ruolo è quello di riflettere all’interno la luce, restituendo, insieme alle lenti, una immagine che i nostri occhi non riescono a riconoscere come tridimensionale, e quindi a distinguere. 

I prismi all’interno dei binocoli possono essere allineati con le lenti, e in questo caso si dicono a tetto. Ve ne sono poi di disposti a S, conosciuti anche come prismi a porro, che rompono la linea immaginare attraverso la quale la luce passa. Questa seconda tipologia, quindi, tende a resistere meglio ai riflessi. Il risultato è una immagine più nitida, anche quando si è controluce.

D’altro canto, i prismi a tetto, quindi quelli disposti su una linea, hanno diversi vantaggi. Primo fra tutti vi è una messa a fuoco più facile, che risulta ottima da gestire anche a breve distanza, quindi intorno al metro. Ciò ti permette di osservare in maniera distinta e dettagliata anche i soggetti più piccoli, come gli insetti o altri animali di piccole dimensioni. 

Se sei interessato ad una migliore capacità di inquadrare la media distanza, partendo proprio dalla minima, ti consigliamo quindi di scegliere i modelli con prismi a tetto, nei quali questa caratteristica è più pratica e veloce.

In altre parole, nella scelta dei prismi, devi lasciarti orientare dalle tue esigenze d’uso e da come intendi utilizzare il tuo binocolo.

Lenti e prismi, come abbiamo visto, sono due elementi molto fondamentali della struttura dei binocoli. Anche essi, quindi vanno scelti con molta cura quando si seleziona un nuovo binocolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.